Incuriositi dalla scoperta delle nuove tendenze del mercato immobiliare internazionale, abbiamo mandato in missione il nostro agente immobiliare in incognito Davide Colombo per scoprire dettagli, segreti, differenze e similitudini tra il mercato immobiliare canadese e quello italiano.


Per ERIF è molto importante conoscere il mercato immobiliare estero perché è da lì che arrivano nuove idee e soluzioni di crescita. Cercare nuovi metodi per far crescere un’azienda è essenziale, così come spiare quello che fanno i nostri competitor!

Ecco, dunque, cos’ha scoperto il nostro agente immobiliare Davide Colombo durante il suo viaggio in Canada.

Una casa non è per sempre. I Canadesi, al contrario degli italiani, non considerano la prima casa come un bene primario. Infatti, tendono a cambiare casa molto spesso. Rarissimamente una famiglia canadese vivrà nella stessa casa per tutta la vita. Di conseguenza è anche vero che anche i giovani, nel corso della vita, non si limitano ad acquistare una sola casa, ma cambiano più abitazioni.

In Italia, invece, sappiamo bene che riescono a mala pena ad acquistare la prima casa e possono farlo necessariamente con l’aiuto economico dei genitori.

L’accesso al credito. Questo punto è in parte legato a quello che abbiamo analizzato poco fa: in Canada, infatti, le banche finanziano con più facilità e in maniera più cospicua. Va che sé, infatti, che per i canadesi è più facile comprare casa dal momento in cui l’acquisto di una casa è facilmente finanziabile dalle banche ed è indipendente dalle garanzie che un richiedente riesce a dare: ad esempio, non è importante qual è la tipologia di contratto lavorativo della persona.

Percentuale del mutuo. Come ben sappiamo, in Italia, per il mutuo sulla prima casa la banca copre fino all’80% del valore di mercato; in Canada, invece, per la vendita di un immobile è sufficiente dare un acconto del 5% perché la banca può finanziare fino al 95% dell’importo totale. Inoltre, se si decide di acquistare un immobile “sulla carta”, quindi ancora da costruire, l’impresa di costruzione applicherà uno sconto del 10%- 20% sul prezzo di vendita.

Vendita veloce. Come avrete capito in Canada il mercato immobiliare è molto frenetico proprio perché le case vengono vendute molto velocemente. Quando diciamo “velocemente” non intendiamo mesi ma giorni. Si, avete capito bene. Le case non restano invendute per anni né mesi, ma per qualche settimana. Se le case non si vendono è perché si è commesso un errore di valutazione: prezzo troppo alto o quartiere sbagliato.

Prendiamo come esempio le 2 più famose agenzie di Real Estate canadese:

 

Chestnut Park ha estrapolato dei dati di vendita del 2015.

In media le case in vendita con Chestnut Park sono rimaste sul mercato per 29 giorni ( neanche un mese!).

 


Se siete interessati al mercato immobiliare estero, continuate a seguirci perché la rubrica “Agente immobiliare in incognito” continua! Un nostro agente immobiliare è già in viaggio.

Per altre info, consultate il nostro sito: www.erif.it

Condividi:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someonePrint this pageBuffer this page
error: Copyright Cantiere Venduto srl