Una condizione spesso sottovalutata o poco considerata da chi richiede un mutuo presso un istituto di credito è la copertura assicurativa sulla casa. Una condizione di cui pochi sono a conoscenza. Infatti, non tutti sanno che nel momento in cui si stipula un mutuo, la polizza sull’immobile è obbligatoria per legge. 
Per essere più precisi è necessario specificare che esistono diverse tipologie di assicurazione mutuo, ma l’unica obbligatoria per legge è la cosiddetta “Polizza Scoppi e Incendi” che offre una copertura in caso di eventuali danni causati da incendio, fumo, vapore, perdite di gas.

La proceduta standard prevede che la polizza scoppi e incendi sia obbligatoria ma soprattutto che venga emessa dalla banca che concede il mutuo tramite una compagnia assicurativa convenzionata. In caso di sinistro, la polizza prevede un rimborso del valore pari al costo di ricostruzione dell’immobile su cui si paga il mutuo e che dovrebbe estinguerne il debito con la banca. Alcune banche, però, non considerano il valore di costruzione dell’immobile, bensì il suo valore commerciale (che è più elevato) per ottenere premi maggiori. 

Sul sito web Infoassicurazionisulweb.it vengono spiegate ampiamente e dettagliatamente tutte le procedure e le caratteristiche di questa tipologia di polizza casa obbligatoria: la copertura dei sinistri, la modalità di pagamento del premio, il costo e il risarcimento in caso di incendio e, perché no, a chi rivolgersi. 



L’assicurazione casa scoppio e incendio copre le spese derivanti alla messa a nuovo dell’immobile in seguito a esplosioni o incendio che possono causare danni ai beni, agli impianti domestici, la perdita di oggetti preziosi, di arredamento, guasti al sistema idrico o elettrico. Con la sottoscrizione di questa tipologia di polizza assicurativa, la compagnia si sostituisce all’utente nel pagamento dei costi, in base a quanto sottoscritto in sede contrattuale e ai massimi stabiliti nella stessa polizza. Si è infatti già detto che alcune polizze risarciscono il valore dei sinistri; altre solo la somma fino a un tetto massimo. 

Il premio dell’assicurazione casa scoppio incendio, che costituisce il costo della polizza, è calcolato in base al TAEG – Tasso Annuo Effettivo Globale – e può essere corrisposto dal soggetto mutuatario in due modalità, in base alle proprie esigenze di spesa del momento: 

 versamento della quota complessiva in un’unica soluzione; 
 rata annuale. 

MOTIVI RISARCIMENTO

Vien da sé che in seguito all’incidente domestico, viene eseguita la verifica della causa dell’esplosione e dell’incendio. L’assicurazione non copre l’incuria, la disattenzione o atteggiamenti che potrebbero creare pericolo nella propria abitazione. In altre parole, la polizza casa scoppio incendio copre i danni causati dal fuoco e dal fumo ma non sostiene le spese per il mancato spegnimento di una sigaretta o una cattiva o assente manutenzione della caldaia che ha generato l’incendio o l’esplosione. 

Compagnie assicurative come Genertel o i servizi di banca Intesa Sanpaolo offrono diversi pacchetti per l’assicurazione sulla casa. Esistono delle assicurazione opzionale sia su abitazione in affitto, di proprietà, prima casa o seconda casa.

Ti è piaciuto l’articolo? Resta in contatto con noi: cantieri@erif.it

Condividi:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someonePrint this pageBuffer this page