La residenza I Giardini di Michelangelo è stata progettata secondo il metodo Carboclima

Carboclima è un metodo di costruzione per la realizzazione di edifici a basso impatto energetico messo appunto da un’impresa come Carboncini con più d i 60 anni di esperienza. 

QUATTRO SEMPLICI PASSI PER CAPIRE COSA VUOL DIRE VIVERE IN UNA CASA CARBOCLIMA: 


1. DIMEZZARE LE BOLLETTE CON ATTENZIONE PER L’AMBIENTE

Chi “vive carboclima” vive in un ambiente protetto dove può vedere sensibilmente ridotto il proprio consumo energetico complessivo più del 50% con un conseguente significativo risparmio sulla bolletta. Questo grazie ad alcuni accorgimenti che permettono di ridurre in modo importante le emissioni nocive nell’atmosfera che si sviluppano anche durante i processi costruttivi. Isolamenti di ultima generazione Serramenti di alta qualità Riscaldamento a pavimento con caldaia a condensazione Centraline elettriche evolute e rubinetti “intelligenti” Questo risparmio permette allo stesso tempo di avere un riguardo per l’ambiente salvaguardandolo, ovvero riducendo in maniera rilevante le emissioni nocive nell’atmosfera che si sviluppano durante i processi di costruzione. Nell’edilizia il concetto di consumo energetico si concretizza principalmente a livello termico elettrico e idrico. 


2. RIDUZIONE DEI CONSUMI 

Un buon isolamento riduce i consumi degli impianti di climatizzazione, riscaldamento e produzione dell’acqua. Il metodo Carboclima ha stabilito nuovi parametri di isolamento grazie all’utilizzo di materiali con spessori più elevati sia nelle pareti perimetrali che in copertura. Inoltre l’utilizzo di serramento-vetro ad alta efficienza permette di favorire il più possibile l’ingresso della luce naturale ed evitare perdite di calore, che con un serramento tradizionale posso arrivare intorno al 20%. L’utilizzo di materiali di qualità e tecnologie all’avanguardia possono non essere sufficienti se non sono ben integrati con l’edificio. È per questo che il sistema Carboclima parte prima di tutto dalla costruzione di un involucro che sia in grado già da solo di contribuire al risparmio energetico complessivo dell’edificio. Questo diventa possibile utilizzando specifiche tecniche costruttive che permettono di contenere o addirittura eliminare i cosiddetti “ponti termici” che in media causano il 30% della dispersione di calore. Questo permette di risolvere un problema che in altri casi non sarebbe risolvibile in futuro perché inerente alla struttura stessa dell’abitazione. Gli impianti centralizzati di riscaldamento permettono di risparmiare sia sui consumi sia sui costi di manutenzione delle caldaie. Ed infine il riscaldamento a pavimento con caldaia a condensazione permette, oltre a ad una riduzione dei consumi, di ridurre l’emissione di gas nocivi nell’ambiente. 


3. MIGLIORAMENTIO DEL BENESSERE PSICO-FISICO

Abitare in una casa “sofferente” significa soffrire di fastidi come sonnolenza, mal di testa, secchezza delle mucose e nausea. È per questo motivo che Carboclima pone molta attenzione al microclima creando un ambiente confortevole grazie a condizioni abitative ottimali agendo e regolando alcuni parametri come la temperatura, la ventilazione, l’umidità dell’aria, l’isolamento acustico. 


4. CERTIFICAZIONE ENERGETICA

Carboncini si muovo all’interno al tema della certificazione energetica con competenza. Ha infatti creato il suo metodo di costruzione e istruito i propri tecnici seguendo gli insegnamenti dei maggiori esperti del settore. La certificazione energetica degli edifici è stata precisata dalla direttiva 2009/91/Ce. Si tratta di uno strumento che informa il cittadino sulla qualità energetica di un edificio, attraverso una valutazione qualitativa degli elementi progettuali e costitutivi. Le imprese edili sono coinvolte nel processo di certificazione del livello di efficienza e prestazione energetica dell’edificio, che dipende per la maggior parte delle tecniche costruttive impiegate nella realizzazione degli impianti.


Per maggiori info visita il sito ufficiale



Condividi:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someonePrint this pageBuffer this page