L’ultimo piano è uno spazio dalle grandi risorse, che ambisce a essere molto di più di una semplice soffitta non abitabile.

Dalla fine degli anni ‘90, in parte a causa della saturazione dei centri urbani e dei costi sempre più alti delle case, ma anche grazie ad apposite leggi regionali che ne hanno incentivato il recupero, i sottotetti sono stati sempre più spesso oggetto di ristrutturazioni.

Molti ambienti in disuso, sono stati quindi trasformati in spaziosi appartamenti o in estensioni del piano inferiore.

mansarda-1

Ma quali sono i vantaggi del vivere in una mansarda?

Più luce: La luce all’ultimo piano è più abbondante rispetto agli altri piani della casa e può essere zenitale, ovvero luce proveniente dall’alto, più diretta, non influenzata dall’orientamento dell’edificio, costante durante tutto l’arco della giornata e in grado di illuminare più in profondità gli ambienti.

Più tranquillità: Chi vive in mansarda è più lontano dalla strada, può godere di maggiore silenzio e tranquillità e stare al riparo da sguardi indiscreti.

Più spazio: Chi ha bisogno di più spazio e possiede un sottotetto o un ultimo piano ad uso soffitta è di fronte a una possibilità davvero allettante: può ristrutturarlo, guadagnando nuovi ambienti abitabili o ricavando stanze in più da collegare all’abitazione esistente.

Più benessere: L’esposizione alla luce naturale di cui gode maggiormente il piano attico porta grandi vantaggi dal punto di vista del benessere psicofisico, in termini di vitalità, miglioramento dell’umore, capacità di concentrazione.

173447557-c31d410a-da2e-444c-a6c3-c4ff6a4d6589

Le altezze minime per l’abitabilità

Se avete intenzione di recuperare un sottotetto, un criterio da osservare è legato alle altezze degli ambienti, che per essere abitabili devono rispettare determinati parametri.

Sarà compito del progettista assicurarsi che l’ambiente da ristrutturare abbia i presupposti necessari richiesti dalla legge e predisporre di conseguenza il progetto più adatto.

La normativa nazionale in merito (legge 457/78, art. 43), relativamente alle altezze stabilisce quanto segue:

  • l’altezza minima dal pavimento deve essere di 2,70 metri per i locali ad uso soggiorno e di 2,4 metri per i locali di servizio, come bagni, corridoi, etc.
  • Nei comuni montani al di sopra dei 1.000 metri s.l.m. può essere consentita, tenuto conto delle condizioni climatiche locali e della locale tipologia edilizia, una riduzione dell’altezza minima dei locali abitabili a 2,55 metri.
  • Se nel locale esistono altezze inferiori, le stesse vanno chiuse ad armadio o ripostiglio.

Le leggi regionali per il recupero dei sottotetti

Molte regioni hanno emesso normative in merito al recupero ad uso abitativo dei sottotetti, con lo scopo di limitare l’eccessiva espansione delle città e ovviare alla mancanza di nuovi spazi edificabili nei centri abitati.

Riportiamo di seguito per comodità l’elenco delle regioni che hanno emesso specifiche norme sul recupero dei sottotetti e i riferimenti alle leggi stesse:

Regione Sicilia: Legge Regionale N. 4 del 16 aprile 2003

Regione Calabria: Legge Regionale N. 19 del 16 aprile 2002

Regione Piemonte: Legge Regionale N. 21 del 6 agosto 1998

Regione Emilia-Romagna: Legge Regionale N. 11 del 6 aprile 1998

Regione Veneto: Legge Regionale N. 12 del 6 aprile 1999

Regione Campania: Legge Regionale N. 15 del 28 novembre 2000

Regione Basilicata: Legge Regionale N. 8 del 4 gennaio 2002

Regione Lombardia: Legge Regionale N. 15 del 15 luglio 1996

Regione Liguria: Legge Regionale N. 24 del 6 agosto 2001

Regione Toscana: Legge Regionale N. 5 dell’8 febbraio 2010

Regione Lazio: Legge Regionale N. 13 del 16 aprile 2009

Regione Abruzzo: Legge Regionale N. 71/3 dell’8 marzo 2011

Vuoi vivere in una mansarda? Contattaci e troveremo l’appartamento giusto per te: http://www.erif.it/

Condividi:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someonePrint this pageBuffer this page