Gli italiani tornano a camminare per strada con gli occhi all’insù, alla ricerca di trovare un cartello affisso sui muri dei palazzi con l’affare tanto sperato: la casa.
In fin dei conti il mattone è sempre stato considerato l’investimento migliore e il più sicuro anche in tempi di crisi. Così, ora che si vede la luce in fondo al tunnel del mercato immobiliare, si torna anche a parlare della casa ideale. E per Teconcasa non ci sono dubbi: è il trilocale.
Secondo l’analisi della domanda immobiliare condotta dal suo ufficio Studi, e relativa al mese di maggio, emerge infatti che la tipologia più richiesta è l’appartamento composto da cucina abitabile, soggiorno, camera matrimoniale, cameretta e servizi. Meglio ancora se la casa è dotata di comfort.
Numeri alla mano, secondo Tecnocasa il trilocale raccoglie il 35,9% delle preferenze nelle grandi città, mentre nei capoluoghi di provincia la concentrazione della domanda è ancor più elevata: quasi un italiano su due lo richiede (pari al 49,3%).
Sono, in particolare, le nuove costruzioni a destare il maggiore interesse, anche grazie ai sempre più elevati standard qualitativi che gli immobili dispongono (marmi, allarmi centralizzati, vasca idromassaggio, posto auto o efficienza energetica). Queste, infatti, sono le uniche soluzioni di prestigio a poter già vantare una conferma positiva nel corso del 2010, così come lo è stato per il 2009.
Tante le domande che arrivano quindi per i trilocali, a cui tuttavia il mercato non riesce a fa fronte. Infatti, anche se nelle grandi città vi è una larga presenza degli appartamenti composti da tre locali (33%), questo dato non solo risulta in diminuzione rispetto a quanto registrato nel luglio 2009 (33,7%), ma non riesce neanche a coprire il 59,7% delle domande attuali.
Svanita così la possibilità di aggiudicarsi un trilocale, gli italiani optano per il bilocale (29% delle preferenze) e per il quattro locali (21,7%). Non sottovalutando che c’è addirittura un’8,4% che richiede anche il cinque locali.
Percentuali che nei capoluoghi di provincia registrano invece il 27,3% per la domanda di bilocali e il 18,2% per il quattro locali.
Nelle grandi città ci sono comunque delle eccezioni. Milano, Roma e Napoli segnalano infatti come sempre una maggiore richiesta per il bilocale.
A Firenze si nota, invece, un’equiparazione della domanda di trilocali e quattro locali che raccolgono entrambi il 30,4% delle richieste. A Torino è molto simile la concentrazione di richieste di bilocali (32,5%) e di trilocali (32,9%).
A Firenze, Genova, Palermo e Verona la domanda si indirizza prevalentemente sui trilocali e quattro locali.
Capitolo a parte per la disponibilità di spesa. Secondo Tecnocasa nelle grandi città si ha un budget più ampio che oscilla tra i 170 mila euro e 249 mila euro. Importo messo in conto dal 24,4% dei clienti per aggiudicarsi il taglio composto da tre stanze. Ma c’è anche un 21,5% di italiani in grado di sborsare tra i 250 a 349mila per comprare casa.
La crisi si è comunque fatta sentire: dallo scorso luglio, infatti, si è registrato un aumento delle richieste nella fascia di spesa fino a 119.000 euro.

Condividi:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someonePrint this pageBuffer this page
error: Copyright Cantiere Venduto srl